Livorno, 4 Maggio 2018 – L’accordo di collaborazione tra Accademia navale e SNS, iniziato nell’anno accademico 2008/2009, è giunto al giro di boa di 10 anni di attività sinergica per il conseguimento dell’abilitazione “Nuoto per Salvamento” a favore di circa 1000 Allievi Ufficiali della 2^ classe Ruolo Normale.
Nella piscina dell’Accademia si sono svolti gli esami delle prove pratiche, incluso il tuffo dalla piattaforma da 5 mt.: il corso di formazione ed addestramento tenuto da gennaio ad aprile 2018 dal 1° M° LGT. Luigi Giannotti, Istruttore nelle Arti Marinaresche per il Salvataggio, segue la “GUIDA NUOTO PER SALVAMENTO”, modulo descrittivo del programma didattico delle attività, predisposto dalla SNS in collaborazione con il Comando Accademia, che riconoscendone la validità, ha trasformato il documento in Monografia ufficiale.
123 i candidati iscritti al corso per conseguire l’abilitazione al salvamento quale Titolo propedeutico del “corso di sopravvivenza in mare” nel 3° anno accademico per gli Aspiranti GM: la Commissione esaminatrice, presieduta dall’Amm. Giacomo Lo Presti – assenti 21 allievi Ufficiali- ne ha abilitato 94 e respinti 8.
Il Brevetto è riconosciuto titolo per la trascrizione sul documento matricolare di ciascun allievo abilitato, ai sensi del dispaccio n. 0092249 del 27/09/2005 emanato dal Ministero Difesa.
Lusinghieri consensi sono stati espressi dai vertici del Comando dell’Universita’ del mare alla S.N.S. che da 10 anni continua la sua opera volta ad incrementare la formazione marinaresca e a perfezionare l’acquaticita’ dei giovani militari delle FF.AA., in particolare dei futuri Ufficiali di Marina.

Allievi Ufficiali 2^cl. col C.te M. Franceschino tra Amm. G.Lo Presti e Lgt. L.Giannotti

Fonte: GLP

Tags: