Società Nazionale di Salvamento, dal 1871... per la sicurezza della vita sul mare
0
  • Il tuo carrello è vuoto

Formazione

Nettuno, 6 Maggio 2022 – La Società Nazionale di Salvamento la Sez. Nettuno-Anzio, diretta dal Presidente Prof. Fausto Onori organizza “WATER RESCUE 2022” Domenica 8 Maggio 2022 a Nettuno (RM). Saranno presenti, oltre agli aspiranti IAMAS del Lazio, anche i nostri Bagnini, nonché i volontari della Protezione Civile della Sezione SNS locale.
Alcune aziende presenteranno attrezzature per il salvataggio in ambiente acquatico che verranno provate. Una giornata all’insegna dell’Addestramento e Formazione. La partecipazione è gratuita.

La locandina dell’evento

Fonte e immagine: SNS Nettuno-Anzio

Genova, 7 Aprile 2022 – La Società Nazionale di Salvamento presenta a tutti i soci e a chiunque voglia collegarsi al nostro sito (www.salvamento.it) il nuovo Manuale BLSD, terza edizione 2022, dedicato non solo ai Bagnini di Salvataggio, ma a tutti i Soccorritori, siano essi medici, operatori sanitari o “laici”.

La riedizione del Manuale risponde a due tipi di esigenze:

  • La necessità di un costante allineamento con l’evoluzione della Letteratura internazionale.
  • L’arricchimento del testo e della grafica con integrazioni e nuovi capitoli che accrescono il valore culturale e la professionalità della figura del soccorritore.

Da ultimo si sottolinea che la didattica fondamentale delle manovre BLSD di base non viene sostanzialmente modificata, se non arricchita, rispetto alla edizione precedente del 2021.

Il Manuale 2022, anche in accordo con l’attuale necessità di utilizzare formati elettronici, è per ora disponibile in PDF e scaricabile dal nostro sito SNS.

Il Direttore Generale Sanitario
Dr. Alfredo Rossi

Scarica il nuovo Manuale BLSD, 3^ edizione – 2022 (PDF)

Fonte: SNS Sede Nazionale

Santerenzo di Lerici, 1/2 Aprile 2022Il progetto SNS ”Tavole da soccorso” (SUP-BOARD-SURF), assembla le tavole e il Salvamento combinati in un’unica soluzione. Lo scopo del corso è quello di formare e sensibilizzare gli operatori della S.N.S.  all’utilizzo delle tavole da soccorso SUP-BOARD-SURF abbinato alle tecniche Rescue, le tavole infatti permettono di operare nei vari scenari con numerosi vantaggi ed una maggiore sicurezza  rispetto ai tradizionali supporti utilizzati per le operazioni di salvataggio in ambiente acqueo.

FORMAZIONE
DATA CORSO  1 – 2  APRILE 2022 LOCALITA’: Spiaggia di Santerenzo (Lerici) – SP.
ORARIO CORSO: VENERDI’ DALLE ORE 09,30 ALLE ORE 17,30 – SABATO 0re 9,30 – 14,00
REQUISITI: BREVETTO DA BAGNINO SNS, CERTIFICATO MEDICO, BREVETTO DI OPERATORE TAVOLE  DA SOCCORSO.
DOCUMENTI: COD. FISCALE, DOMANDA  ISCRIZIONE, UNA FOTOGRAFIA, RICEVUTA VERSAMENTO QUOTA.

Le Tavole, le pagaie e i leash saranno messi a disposizione dall’organizzazione. Il corso si concretizzerà con un minimo di 6 partecipanti.
Quota di partecipazione Euro 330,00. Saranno ritenute valide solo le iscrizioni complete di documenti e versamento quota.
TERMINE ISCRIZIONI  SABATO 26  MARZO 2022 

IL CORSO SARA’ TENUTO DAL FORMATORE  SNS TAVOLE DA SOCCORSO Giansanti  Roberto.
A termine corso sarà rilasciato attestato di Istruttore TAVOLE DA SOCCORSO SNS.
Per informazioni e prenotazioni, rivolgersi a Roberto Giansanti (tel.: 3389662621 E-mail: robi.giansanti@gmail.com ) referente nazionale SNS progetto “Tavole da soccorso”

PROGRAMMA

Venerdì
0re 09,30 ritrovo partecipanti
Ore 10 teoria e pratica sulla conoscenza e preparazione dei materiali
Ore 10,30 teoria e pratica tecniche di entrata e di conduzione tavole da soccorso
Ore 12 teoria e pratica di tecniche di salvataggio : entrata,avvicinamento,recupero e trasporto pericolante nei vari scenari possibili.
Ore 13,30 breve pausa ristoro

Ore  14,30 – 17,30  teoria:

  • Presentazione e importanza della didattica della SNS
  • vantaggi e svantaggi dell’uso delle tavole da soccorso in comparazione con gli altri supporti di salvataggio previsti dalle ordinanze di balneazione.
  • Struttura di una lezione teorica e pratica
  • come gestire un gruppo :
  1. basi per una buona comunicazione,
  2. valutazione delle capacità teorico-pratiche degli allievi,
  3. basi di prevenzione e attività in sicurezza nei confronti del gruppo allievi.
  4. Individuazione e correzione errori tecnici.
  • Presentazione manuale SNS operatori tavole da soccorso.

Sabato
Ore 09,30 ritrovo
Ore 10 – 12,30 esame di idoneità istruttore tavole da soccorso SNS: i candidati istruttori dovranno tenere una lezione, dimostrando conoscenza della didattica e delle tecniche teorico/pratiche di salvataggio con tavola da soccorso
Ore 12,30 – 14,00 consultazione finale sul corso.

Fonte: R.Giansanti -Formatore SNS

Genova, 12 Marzo 2022 – La Rete Nazionale della Salute, si arricchisce di una nuova occasione formativa, attraverso il webinar “SALVO ANCHE IO. Percorsi di cittadinanza attiva”, che consente di avvicinare gli studenti al tema del benessere e avviare un dialogo proficuo con le scuole. In questa lezione, in particolare, i temi trattati intendono contribuire ad aumentare la consapevolezza dei pericoli del mare ma anche a sollecitare, nei giovani e negli adulti, il senso civico e di partecipazione attiva alla società democratica, attraverso l’acquisizione delle tecniche di base di primo soccorso, riviste e approfondite anche alla luce del Coronavirus e della Covid-19.
Durante l’evento è stata presentata la mission della Società Nazionale di Salvamento e illustrati vari percorsi didattici a cui potranno accedere gli studenti:
• BLSD LAICO
• RISCHIO BIOLOGICO

Infine, hanno partecipato al live come testimonial, studenti che hanno effettuato i percorsi di primo soccorso promossi dalla Salvamento negli istituti scolastici e che hanno raccontato le loro esperienze in cui hanno messo in pratica le procedure apprese.

SALVO ANCHE IO. Percorsi di cittadinanza attiva – Evento online
Partner: Salvamento

Fonte e foto: www.educazionedigitale.it/retenazionalesalute

Docente Istruttori di Nuoto

E’ la figura di riferimento della SNS qualificata a svolgere e condurre i corsi di “Istruttori di Nuoto”. I corsi per Docente Istruttori di Nuoto sono organizzati esclusivamente dalla SNS Sede Nazionale.

Requisiti di ammissione ai corsi di “Docente Istruttori di Nuoto”

Si può accedere al corso Docenti se in possesso dei seguenti requisiti:

  • brevetto di Bagnino di Salvataggio (rilasciato dalla SNS);
  • una delle seguenti qualifiche:
    • brevetto di Istruttore di Nuoto
    • brevetto di Istruttore IAMAS (Istruttore Arti Marinaresche per il Salvataggio);
    • diploma ISEF;
    • attestato di frequenza almeno 2° anno di Scienze Motorie;
  • il candidato deve avere svolto altresì le funzioni di Istruttore di Nuoto per almeno 1 anno (attestato dalla Sezione che lo presenta);
  • autorizzazione alla partecipazione al corso rilasciata dal Direttore della Sezione SNS per la quale si intende operare.

Corsi e la didattica

Il corso per Docenti si svolge in aula e in piscina per una durata di 3 giorni.
Nel corso vengono presentate due didattiche, considerate dalla nostra associazione egualmente valide: il metodo diretto e quello indiretto (o “della scoperta guidata”).
L’esame comprende una prova scritta (questionario) ed una orale durante la quale il candidato deve dimostrare di saper utilizzare le attrezzature audiovisive per tenere una lezione del corso per Istruttori di Nuoto.
Durante il corso verrà distribuito ai partecipanti il CD per Docenti Istruttori di Nuoto contenente le lezioni del corso per gli Istruttori.
Il brevetto ha validità triennale.
Per il rinnovo del brevetto, oltre agli adempimenti amministrativi, è obbligatoria la partecipazione ad un corso di aggiornamento organizzato dalla SNS Sede Nazionale su base regionale o interregionale.

La Commissione d’Esame

E’ costituita dai Docenti incaricati dalla SNS Sede Nazionale alla gestione del corso.

Docenti Istruttori di Nuoto

Accedi alla pagina della “Rete formativa” per visualizzare i nominativi dei “Docenti Istruttori di Nuoto” della SNS.

Gli ultimi corsi nazionali per Docenti Istruttori di Nuoto si sono svolti a:

– San Severo (FG), 7/9 dicembre 2012

– Tortoreto Lido (TE), 11/13 novembre 2011

– Roma, 12/14 novembre 2010

– Lucera (FG), 13/15 novembre 2009

– Camaiore (LU), 12/14 dicembre 2008

L’utilizzo delle moto d’acqua come mezzi di soccorso e di intervento rapido, si è rivelato in molti casi vincente. Infatti queste piccole imbarcazioni dotate di un potente motore azionato da idrogetto, oltre ad evitare il pericolo di ferire accidentalmente l’infortunato (l’elica è interna ad un sistema di propulsione blindato), riescono in modo facile e veloce ad intervenire, laddove le particolari condizioni meteo-marine con forti raffiche di vento o onde molto alte, impediscono l’utilizzo delle imbarcazioni di soccorso tradizionali.

Le moto d’acqua gestite da un pilota esperto, risultano manovrabili in qualsiasi condizione, inaffondabili, potenti, sicure e sopratutto sono in grado di garantire un intervento rapido senza perdita di tempo prezioso, che può essere determinante per salvare la vita di chi si trova in difficoltà. In caso di rovesciamento sono facilmente riposizionabili da un solo operatore e alcuni modelli sono dotati di speciali barelle per agevolare il trasporto del pericolante.

Il Comando Generale Corpo delle Capitanerie di Porto, per voce del Contrammiraglio Stefano Vignani, ha espresso il suo parere favorevole all’utilizzo delle moto d’acqua da parte dei Bagnini per l’attività di salvataggio, “…considerato che le caratteristiche di aderenza, di velocità e di tenuta sull’acqua indubbiamente maggiori di un comune pattino di salvataggio, nonchè ipotizzando un utilizzo anche in condizioni meteo-marine avverse, nulla osta da parte di questo Comando Generale all’eventuale impiego di acquabike per operazioni di soccorso” Roma 20 dic. 2003 (Prot. 82/76655).

Corso di Operatore di Moto d’Acqua per il Salvataggio della Società Nazionale di Salvamento

Requisiti richiesti:

  • patente nautica;
  • brevetto Bagnino di Salvataggio della S.N.S. oppure attestato comprovante la qualifica di operatore al soccorso acquatico (Volontario ambulanze, Protezione Civile, Istruttore subacqueo, Vigile del Fuoco, Forze dell’Ordine ecc.);
  • età minima 18 anni;
  • certificato medico di buono stato di salute;

A tutti gli iscritti al corso sarà consegnato il “Manuale per Operatore di Moto d’Acqua per il Salvataggio” edito dalla Società Nazionale di Salvamento.

Programma del Corso di Operatore di Moto d’Acqua per il Salvataggio

Durata corso: 2 giorni
Programma corso: Teoria n. 4 ore; Pratica n. 8 ore – TOTALE ORE: 12

1° giorno

Inizio corso – Teoria da svolgersi in spiaggia e/o sala:

  • Mezzi di salvataggio; Relazione tecnica sul p.w.c.
  • Pregi e difetti della moto d’acqua da salvataggio
  • Caratteristiche tecniche attrezz. di salvataggio in dotazione al p.w.c
  • Parti costruttive del p.w.c.
  • Elementi del codice della navigazione
  • Stage pratico di manutenzione; Funzionamento motore 2 e 4 tempi
  • Pulizia della grata; Pulizia dell’idrogetto
  • Check – list interno ed esterno moto
  • Operazioni di manutenzione ordinaria
  • Riparazione piccoli malfunzionamenti
  • Procedure di svuotamento acqua dall’interno del motore

Pratica in mare:

  • Test pratico di ingresso in mare con moto (i corsisti saranno accompagnati dal docente)
  • messa in acqua del p.w.c.- caricamento p.w.c. sul carrello
  • controllo preaccensione
  • tecnica di risalita in acqua bassa
  • rovesciamento e riposizionamento del p.w.c.
  • segnali in mare
  • esercizi di equilibrio con p.w.c. fermo
  • andatura seduta e in piedi
  • virata destra e sinistra
  • andatura con conduttore in posizione laterale seduto ed in piedi
  • uscita in mare perpendicolarmente alle riva e rientro
  • andature parallele alla costa
  • varie andature con secondo soccorritore
  • cambio di guida sul p.w.c. tra soccorritori con moto spento ed in movimento
  • andatura in piedi con entrambi soccorritori in piedi sia laterale che in tandem
  • rilevazione rotta da punti fissi sulla costa (lettura carta nautica)
  • abbrivio, uso della retromarcia e andatura in secca
  • tecniche di avvicinamento a manichino in acqua
  • percorso tra boe
  • andatura sulla cresta dell’onda e cavo dell’onda
  • tecniche di risalita in acqua fonda con uno e due soccorritori
  • simulazione caduta conducente e recupero del p.w.c.
  • stacco volontario del filo di massa in fase di superamento dell’onda
  • simulazione caduta del compagno e ralativo recupero
  • recupero pericolante
  • recupero di due pericolanti
  • uso dell’attrezzatura di salvataggio in dotazione al p.w.c. (pinne con cinghia, bay watch , ecc.)
  • vestizione (giubbotto) da parte del soccorritore di un pericolante in acqua
  • traino di più pericolanti con attrezzatura
  • uso del bay watch per traino pericolante
  • vestizione con giubbotto in mare di pericolante
  • vestizione con giubbotto di persona asfittica

2° giorno

  • traino di persona deceduta senza barella
  • traino di moto d’acqua
  • andature in scia
  • simulazione di perdita della moto con due conduttori
  • stacco filo di massa in fase di superamento di onda
  • tecnica di ricerca disperso in mare- esercizi di andatura in moto con barella
  • esercizi di avvicinamento a manichino con barella
  • andature con due soccorritori con barella
  • tecniche andatura e rientro con mare agitato
  • andature parallele alla costa con mare agitato
  • rovesciamento moto con barella
  • esercizi di spiaggiamento con barella
  • esercizi di recupero con un solo conduttore di uno/due pericolanti
  • esercizi di recupero con due soccorritore di pericolante con barella
  • esercizi di recupero d’asfittico con due soccorritori con barella
  • traino di materiale con barella
  • esercizi di ricondizionamento alla guida della moto
  • test e verifica fine corso
  • operazioni di rimessaggio moto

Tutti i partecipanti dovranno essere muniti di muta, calzari e guanti.
Saranno forniti caschetti di protezione, giubbotto salvagente ed attrezzatura varia, assicurazione, benzina, barella, manichino, ecc.

Agli allievi risultati idonei alla verifica e al test finale del corso, sarà inviato il brevetto di “Operatore di Moto d’Acqua per il Salvataggio” della Società Nazionale di Salvamento.

Istruttori:

Accedi alla pagina della “Rete formativa” per visualizzare i nominativi degli “Istruttori di Moto d’Acqua per il Salvataggio” della S.N.S.

Il primo soccorso per il Bagnino di Salvataggio

Il 2-3 marzo 2012 è stato presentato ad Orvieto il nuovo manuale di “Soccorso in ambiente acquatico” di Riccardo Ristori, Direttore Generale Sanitario nazionale SNS.

Il manuale presenta novità importanti e si incentra sulle situazioni tipiche che un bagnino di salvataggio deve affrontare come soccorritore professionale in tutti gli ambienti acquatici (spiagge, piscine, laghi, fiumi, ecc.). In particolare è stato dato il giusto peso ai casi di annegamento, oggetto di studio e di interesse specifico per la nostra organizzazione.

La Società Nazionale di Salvamento è nata nel 1871 per impulso di un gruppo di medici e, per un lungo tratto di storia, è stata in pratica l’unica associazione ad occuparsi della “rianimazione degli asfittici” e al tema dell’annegamento ha dedicato gran parte delle proprie energie e della propria ricerca nel corso di 140 anni.

Abbiamo vissuto, tuttavia, un periodo in cui, abbandonate le tecniche di rianimazione manuale, con la diffusione delle tecniche di BLS (Basic Life Support) ci siamo trovati in una posizione di retroguardia e, da trainanti, siamo diventati trainati.

Abbiamo dovuto imparare da altri. Negli ultimi anni, inoltre, una scossa provvidenziale è stata data al sistema sanitario da due importanti eventi: l’invenzione e la diffusione dei defibrillatori semiautomatici, utilizzabili anche da personale laico, e la nazionalizzazione del servizio del soccorso medico di emergenza, il 118.

Affiliandoci ad una organizzazione di grande prestigio (IRC Comunità) ci ha permesso di aggiornarci, di metterci al passo coi tempi e, soprattutto, di costruire una rete di istruttori in grado di diffondere su tutto il territorio nazionale le tecniche di BLS D (anzi di BLS Aed) garantendoci una competenza che ci pone nel nostro campo, di nuovo, all’avanguardia. Di ciò è una testimonianza il manuale del dott. Ristori.

Ci è sembrato opportuno riprenderci la nostra tradizione per rispondere alle esigenze di una associazione che ha la prerogativa di essere la più grande organizzazione di bagnini di Europa e, probabilmente, del mondo.

Le nozioni di medicina fornite nel manuale “Il soccorso in ambiente acquatico” sono aggiornate a ILCOR 2010 e al World Conference on Drowning Prevention tenutosi a Da Nang (Vietnam) nel 2011.

IMPORTANTE: a parziale modifica di quanto riportato sul manuale di “Soccorso in ambiente acquatico” in merito alla somministrazione dell’ossigeno in emergenza da parte del Bagnino di Salvataggio (vd. capitolo 4), il 27 marzo 2012 il Ministero della Salute ha espresso parere positivo sulla somministrazione stessa senza incorrere nell’esercizio abusivo della professione medica.

Scarica il parere del Ministero della Salute (pdf 807 Kb).

Il CD “Soccorso in Ambiente Acquatico” riservato agli Istruttori I.A.MA.S.

I corsi per Istruttori di Nuoto

Per essere abilitati a tenere i corsi di Istruttore di Nuoto è necessario essere in possesso del brevetto di Docente Istruttori di Nuoto.
I corsi per Docenti Istruttori di Nuoto sono organizzati annualmente dalla SNS Sede Nazionale.

“L’ambito nel quale operano i nostri Istruttori non è quello del nuoto agonistico, ma il nuoto praticato come un’abilità che qualsiasi persona deve padroneggiare. Saper nuotare è il primo gradino della sicurezza in acqua: imparando a nuotare un bambino impara prima di tutto a salvarsi.
Il nuoto è autoprotezione contro un pericolo: il suo insegnamento è, per noi, un’attività di prevenzione e di protezione civile”

Linee guida per i corsi di Istruttore di nuoto

Il corso per Istruttori di Nuoto è organizzato dalla Sezione SNS nell’ambito del territorio assegnato.
Il corso comprende almeno 12 lezioni teoriche (per 24 ore complessive) e 12 lezioni in acqua (per 12 ore complessive) per un totale di almeno 36 ore di lezione. Il corso è strutturato liberamente secondo un calendario e un orario stabiliti dalla Sezione Territoriale.
La tenuta del corso deve essere comunicata alla Sede Nazionale.
Il Docente incaricato deve tenere un registro in cui annota le lezioni impartite e le presenze degli allievi. Non possono accedere all’esame finale gli allievi assenti per più di un terzo delle lezioni.

Il kit didattico

Il kit didattico per il corso di Istruttore di Nuoto deve essere richiesto dalla Sezione organizzatrice alla Sede Centrale (costo Euro 40,00) e viene consegnato ad ogni allievo all’inizio del corso.

Il kit didattico dell’allievo iscritto al corso di “Bagnino di Salvataggio” è così composto:
– Manuale per Istruttori di Nuoto: “L’insegnamento del nuoto – L’educazione alla sicurezza in acqua”
– Polo blu Istruttore di Nuoto SNS
– Portachiavi SNS con micro-shield

La Commissione d’Esame

La Commissione d’esame è formata da:
1) un Presidente nominato dalla Sede Centrale;
2) il Docente degli Istruttori;
3) un Segretario (nominato dal Direttore di Sezione).

L’esame finale prevede:
1) una prova scritta (questionario);
2) una prova orale;
3) una prova pratica in acqua in cui il candidato dimostra di saper tenere una lezione di nuoto.

La data e la sede dell’esame devono essere portati a conoscenza delle SNS Sede Nazionale con un preavviso di almeno due settimane. La SNS Sede Nazionale provvederà alla nomina del Presidente.

Didattica

Nel corso vengono presentate due didattiche, considerate dalla nostra associazione egualmente valide: il metodo diretto (o tradizionale) e quello indiretto (o “della scoperta guidata”) inventato da R.Catteau.
Per il corso deve essere utilizzato il manuale ufficiale della SNS per Istruttori di Nuoto: L’insegnamento del nuoto – L’educazione alla sicurezza in acqua, edito dalla Società Stampa Sportiva (Roma, 2008).
Le Sezioni che utilizzano altro materiale didattico (oltre quello previsto come obbligatorio) devono preventivamente sottoporlo alla SNS Sede Nazionale.

La “nascita” del Bagnino

Nel 1918 una circolare del Ministero dei Trasporti Marittimi e Ferroviari, imponeva alla Capitanerie di Porto del regno di fare obbligo a tutto il personale addetto agli stabilimenti balneari di comprovare l’idoneità nel nuoto, nella pratica del primo soccorso e della respirazione artificiale.
Le Capitanerie di porto si rivolsero alla S.N.S. che, dopo un propedeutico corso ed un esame di idoneità, rilasciava un brevetto di “Soccorritore di spiaggia”, antesignano del Bagnino di Salvataggio.
Si arriva successivamente ad ipotizzare la figura del Bagnino di Salvataggio che, vista la sua utilità, diventa, con Legge dello stato dei primi anni ’30, obbligatoria in tutti gli stabilimenti balneari.

Il Ministero delle Comunicazioni – Marina Mercantile con Foglio d’Ordine n. 43 del 6 maggio 1929 concede alla S.N.S. l’autorizzazione al rilascio del “certificato di abilitazione all’esercizio del mestiere di bagnino”

La figura professionale del “Bagnino di Salvataggio”

Il profilo
Il Bagnino di Salvataggio è in grado di:
– organizzare e gestire l’emergenza balneare in qualsiasi condizione;
– operare per la tutela dell’ambiente naturale interessato all’attività balneare;
– prevenire, promuovere, valorizzare, educare in tema di sicurezza balneare;
– gestire i rapporti con le Capitanerie di Porto, 118, altre associazioni/enti ai fini della sicurezza balneazione.

Formazione
Il Bagnino di Salvataggio è un professionista del soccorso altamente specializzato per attuare il servizio pubblico di vigilanza e di salvataggio.
I corsi di formazione della S.N.S. abilitano alla professione e preparano il B.d.S. alla gestione delle emergenze balneari.

Le competenze
L’insieme delle capacità e delle conoscenze che consentono di svolgere la professione di Bagnino di Salvataggio si distinguono in personali, relazionali, specialistiche:
1. Personali
· versatilità;
· apertura mentale;
· autonomia;
· sicurezza in se stessi.
2. Relazionali
· comunicatore;
· coordinatore;
· gestore di rapporti interpersonali;
· incline a lavorare in gruppo.
3. Specialistiche
· tecniche del soccorso in acqua (mare, fiumi, laghi, piscine);
· tecniche marinaresche (nodi marini, voga, ecc.);
· nozioni di meteorologia;
· tecniche di primo soccorso medico,
· norme comportamentali per il bagnante;
· norme legislative del settore.

Perchè diventare “Bagnino di Salvataggio”
I Bagnini di Salvataggio possono fare molto per la sicurezza degli altri, non solo dal punto di vista professionale, ma anche di aiuto concreto e di solidarietà, vivendo un’esperienza unica, di apertura verso il prossimo.
I giovani, attraverso i corsi della S.N.S., sviluppano la loro crescita personale creandosi una mentalità di approccio attivo nel volontariato di
Protezione Civile, maturando il senso di responsabilità nei confronti dell’ambiente, acquisendo il senso della cittadinanza solidale e attiva.

Leggi anche…

Come diventare Bagnino

I Corsi e la didattica

Il regolamento degli esami

Insegnamo molto di più di un mestiere!

Il Brevetto di Bagnino di Salvataggio non solo offre l’opportunità di un lavoro all’aria aperta, ma anche di svolgere un importante servizio a favore della collettività, attività di volontariato, di impegno sociale e di Protezione Civile.